Corsa dopo i 40 anni: esercizi utili contro gli infortuni

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Corsa dopo i 40 anni, quali esercizi potresti fare?

Quali esercizi fare per la corsa dopo i 40 anni?

Cominciamo dal dire che non ci sono esercizi magici, o in grado di annullare gli infortuni, ma alcuni studi scientifici ci vengono in aiuto.

In un arco temporale di un anno, il 49% dei runners “diversamente giovani” avrà un infortunio e il 30% ne subirà più di uno (McKean, 2006)

La cosa curiosa è che, nonostante la frequenza sia praticamente sovrapponibile a quella degli atleti più giovani, i master hanno infortuni concentrati più frequentemente ai muscoli del polpaccio (soleo e gastrocnemio) e al tendine d’Achille.

Per quanto può valere, questi dati sono confermati dalla mia esperienza, infatti è molto raro visitare un atleta giovane con un infortunio al polpaccio, ma è molto più frequente farlo fra i podisti più datati.

Cosa cambia tra gli atleti master?

Immagine presa da "The physiology and Biomechanics of the masters runners" R.Willy et al, 2019

Questo cambiamento si verifica perchè ,dopo i 40 anni, le qualità muscolo-tendinee del polpaccio e del tendine d’Achille si riducono, infatti la massa muscolare, la rigidità del tendine (stiffness) e la capacità di produrre forza diminuiscono sensibilmente e portano a prevedibili conseguenze.

Devi sapere, però, che questi cambiamenti non sono inevitabili, infatti tramite alcuni esercizi potrai rallentare questo declino.

 

Corsa dopo i 40 anni: quali esercizi fare?

Dai risultati degli studi scientifici si evince che, tra tutti gli esercizi di potenziamento che potremo scegliere, i più utili, per gli atleti master, sono quelli in grado di rinforzare il complesso  polpaccio-caviglia.

Oggi ti mostro questi due:

Calf Raise (gambe tese)

Credo che tu lo conosca già, in effetti, il calf raise, è un esercizio semplice e conosciuto, ma non per questo è da sottovalutare.

Sollevandoti sulla punta del piede e mantenendo la gamba tesa, rinforzerai il gastrocnemio (definito anche come gemello/i).

Se vuoi che l’esercizio sia efficace, è inutile esagerare facendo molte ripetizioni, piuttosto concentrati sull’eseguire 3-4 serie da 6-12 ripetizioni, usando un carico che ti consenta di terminarle con una certa fatica.

L’unica difficoltà di questo esercizio sta nel trovare un carico adeguato, infatti pesi che potresti considerare notevoli (15-30Kg), sono tranquillamente utilizzabili.

Se non hai a disposizione un bilanciere, il modo più comodo è riempire uno zaino con quello che hai in casa.

Questo esercizio è simile al precedente, ma tenendo il ginocchio piegato, rinforzerai prevalentemente il muscolo soleo.

Il soleo, a differenza del gastrocnemio, è il muscolo del polpaccio che ha il compito di assorbire la maggior parte del carico durante la fase di appoggio e quindi non va assolutamente trascurato.

Per quanto riguarda serie e ripetizioni, potrai applicare le modalità descritte nell’esercizio precedente.

Corsa dopo i 40 anni, come fare?

Prevenire gli infortuni passa da diversi fattori: volume di allenamento corretto, esercizi di prevenzione, sonno, alimentazione, stretching, ecc…

Nessuno di questi elementi, preso singolarmente, è la soluzione magica, ma più rimani informato, meglio sarai in grado di adattare questi strumenti alle tue esigenze.

Se sei un atleta master e non hai tempo di svolgere altri esercizi di prevenzione, ti consiglio di eseguire almeno i due che ho suggerito in questo articolo.

Farli 2-3 volte a settimana ti ruberà un quarto d’ora in tutto, ma potrai avere benefici sensibili.

  • Altri articoli interessanti

    Scrivimi

    Cerca un articolo

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Iscriviti alla newsletter

    Ogni venerdì mattina riceverai una mail dove approfondirò un tema legato alla corsa

    Rimani informato sugli infortuni legati alla corsa con la mia newsletter

    Iscriviti alla newsletter

    Ogni venerdì mattina riceverai una mail dove approfondirò un tema legato alla corsa