Fondo lento: tutto ciò che devi sapere

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Fondo lento tutto ciò che devi sapere

Il fondo lento è la tipologia di andatura che occupa la stragrande maggioranza dell’ allenamento delle specialità di endurance.

Quindi, sapere come eseguirlo correttamente è il punto di partenza per una corretta gestione dei carichi di allenamento.

A cosa serve il fondo lento?

I benefici di questa tipologia di allenamento vengono spessi ignorati perchè poco affascinanti, tuttavia se il runner medio, che sia un amatore o un professionista, spende fino all’80-90% del proprio tempo a correre a questa intensità, a qualcosa servirà! Non credi??

Dunque, i dividendi del fondo lento si ricevono in due aspetti: fisiologici e meccanici.

Dal punto di vista cardiovascolare questo allenamento porta ad un miglioramento della capillarizzazione muscolare, un aumento della gittata cardiaca e una diminuzione della frequenza a riposo.

Ai benefici fisiologici si accompagnano quelli meccanici, infatti eseguire un discreto volume di allenamento a bassa intensità permette plasmare gradualmente tendini ed articolazioni ai carichi delle sedute ad alta intensità.

Riassumendo si può dire che il fondo lento è una seduta di recupero, ma comunque utile a produrre alcuni adattamenti che faranno da collante fra le sedute ad alta intensità.

A che velocità si deve correre?

Fondo Lento, a che velocità si deve correre?

Come avevo scritto in un precedente articolo l’errore che riscontro più frequentemente fra i podisti è quelli di correre il fondo lento troppo veloce.

Basta fare un giro su Strava o analizzare gli allenamenti di Kipchoge o di Bekele per vedere che gli atleti di elite non disdegnano la corsa lenta.

Quando c’è da recuperare, Kipchoge non disdegna sedute corse a 4’30/Km (1’40″/Km sopra il proprio ritmo maratona) e numerosi atleti di elite fanno altrettanto.

Sulla velocità da tenere in questi allenamenti si può adottare un approccio più scientifico, basandosi sulla frequenza cardiaca, o più pratico basandosi sulle sensazioni.

La frequenza cardiaca è un parametro abbastanza variabile, perciò preferisco basarmi sulle sensazioni.

N.B: Per gli amanti della frequenza cardiaca con il termine fondo lento solitamente viene indicato un ritmo tra il 65% de l’80% dell frequenza massima.

Per quanto riguarda le sensazioni ti posso dire che durante una seduta di fondo lento non dovresti percepire alcuna fatica e dovresti essere in grado di sostenere una conversazione con i compagni di allenamento.

Se non sei sicuri di star correndo sufficientemente piano, potresti provare a correre respirando solo con il naso. Quel ritmo sarà sicuramente da fondo lento.

Personalmente, la velocità a cui arrivo ad avvertire queste sensazioni è di minimo 1’/Km al di sopra del mio ritmo 10Km. Se corressi più veloce avvertirei fatica, non riuscirei a sostenere una conversazione e sicuramente non riuscirei a correre respirando solo con il naso.

Quanto deve essere lunga una seduta di fondo lento?

La risposta è dipende!

Ovviamente, arrivati ad un certa soglia di chilometri, quella che dovrebbe essere una seduta rigenerante, diventa una seduta impattante.

Correre una maratona a fondo lento sarebbe comunque una faticaccia!

Per un neofita anche correre 5Km potrebbe risultare faticoso, mentre per un runner professionista correre lentamente 12-15Km potrebbe essere tranquillamente una seduta di recupero.

Se desiderate fare una seduta di recupero, vi consiglio di non superare quella distanza in cui inizierete a correre in modo scomposto, a sentire i muscoli dolenti e ad avvertire tutte quelle sensazioni che vanno a braccetto con uno stato di fatica.

Se volete approfondire questo aspetto vi lascio qui sotto una presentazione che ho trovato interessante:

Insomma la seduta di fondo lento è un elemento che, rappresentando la maggior parte dei tuoi allenamenti, dovrai imparare a gestire.

Chi non impara, esagera e spesso subisce infortuni.

La tendenza della stra grande maggioranza dei runner è quella di correre troppo velocemente. Il fondo lento serve a recuperare, ricordalo!

Il mio consiglio è quello di non decidere a prescindere a che ritmo andare, ma di correre ricercando le giuste sensazioni. Solo successivamente potrai controllare il ritmo tramite cronometro.

  • Altri articoli interessanti

    Scrivimi

    Cerca un articolo

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Iscriviti alla newsletter

    Ogni venerdì mattina riceverai una mail dove approfondirò un tema legato alla corsa

    Rimani informato sugli infortuni legati alla corsa con la mia newsletter

    Iscriviti alla newsletter

    Ogni venerdì mattina riceverai una mail dove approfondirò un tema legato alla corsa